Ci stiamo sintonizzando

Parla Giulia: Setinamente – Il mio viaggio con Teatri di Seta

Parla Giulia: Setinamente – Il mio viaggio con Teatri di Seta

“L’integrazione è un’operazione che si fa in due. Non si integra da soli. Integrarsi non significa rinunciare alle componenti della propria identità di origine, ma adattarle a una nuova vita in cui si dà e si riceve.

Tahar Ben Jelloun – Il razzismo spiegato a mia figlia


La seta è delicata, ma resiste al tempo e agli strappi. E non perde mai la sua bellezza.

Sono Giulia e oggi vi racconto di Teatri di Seta.
Come già detto nella puntata di mercoledì 29 gennaio (se non l’avete ascoltata, correte subito a recuperarla qui) Teatri di seta è un’associazione culturale di promozione e ricerca teatrale: un gruppo di donne che credono profondamente nel teatro come punto di incontro, di condivisione e di azione. Dal 2015 sono stanziate a Piazza Forcella, spazio comunale dedicato ad Annalisa Durante, giovanissima vittima innocente di camorra, uccisa proprio a Forcella il 27 marzo 2004, durante uno scontro armato tra esponenti di clan rivali. Anche questo legame con la legalità ci spinge a parlarvi del gruppo.

I laboratori condotti da Pina di Gennaro, Marina Cavaliere, Serena Lauro ed Elisabetta Bevilacqua sono caratterizzati da una particolare attenzione al tema dell’immigrazione e dell’interculturalità. Come le vie della seta, cercano – attraverso la pratica teatrale – di unire luoghi altrimenti sconosciuti, di far crollare le barriere e lasciare che gli esseri umani si conoscano e riconoscano senza i limiti della paura. Il teatro è il luogo più fertile per facilitare questo incontro. Essere altro e conoscere altro.

Dal 2015 il primo laboratorio Di.Verso Terra di Mezzo è diventato con gli anni un laboratorio permanente, a cui anche io ho partecipato. Alcuni dei miei anni hanno incrociato con gioia questo progetto essenziale per il quartiere e per i partecipanti.

Il primo spettacolo che facemmo insieme, con lo stesso titolo del laboratorio, aveva come tema principale l’emigrazione: un gruppo di donne che viaggiano verso l’America sono costrette dallo spazio ristretto della nave a convivere e a scambiarsi inevitabilmente storie e ninnenanne. Ogni lingua ne aveva una e, durante il lavoro, scoprimmo con sorpresa che le ninnenanne sono simili in tutto il mondo. Ognuna di noi – eravamo tutte donne, all’epoca – portava il suo vissuto, ma anche le storie, i romanzi e le poesie che hanno segnato il nostro immaginario. Così abbiamo lavorato, scambiandoci sogni, paure e parole in lingue ancora sconosciute.

Lo spettacolo successivo cercava di rispondere a una domanda: qual è una parola per identificare la felicità? Nonostante è quella che ci colpì di più, e ne diventò il titolo: Felicità nonostante.  Ma ci può essere felicità durante la guerra? Questo filo conduceva i diversi monologhi e il nostro lavoro insieme. Il pubblico era bendato e noi dovevamo raccontare le storie solo con la voce e con la nostra presenza, con sussurri e carezze, ma riportando il dolore di una vita che sembra impossibile eppure in molti paesi è la quotidianità. Ognuna era pronta ad aiutare le compagne nel lavoro preparatorio, chiudere gli occhi e sentire sulla propria pelle quanto potevamo spingere la ricerca di suoni, rumori e tocchi. Chiedevamo molto ai nostri spettatori, privati di vista, anche perché non ci siamo risparmiate con lo “sfruculiamento”, ma, alle volte, il teatro è crudeltà!

In seguito, grazie al progetto Bateau personne, il gruppo si allargò, si inserirono nuove persone, nuove lingue e nuove storie. Il risultato fu Uccelli bianchi, uccelli neri, una rilettura dell’Odissea con il viaggio riletto nell’ottica del fenomeno dell’immigrazione.

Dopo quella emozionante esperienza, il nuovo gruppo lavorò di nuovo a Felicità nonostante e io mi trovai nella veste di spettatrice. Trovarmi dall’altra parte fu impietoso, ma necessario. C’erano storie che non conoscevo, oltre a quelle a me familiari, ed ero curiosa di scoprirle. Ascoltavo attentamente per non perdermi nemmeno una parola e, forse, riconoscere anche le voci dei miei compagni di viaggio. È stata davvero un’esperienza che ha messo a dura prova la propria resistenza e i propri limiti, ma creando un nuovo livello di comunicazione, oltre le apparenze.

Come le vie della seta, i Teatri di seta fanno proprio questo: occuparsi delle persone e creare comunità attraverso la conoscenza e la consapevolezza. Continuano il loro lavoro con il laboratorio permanente e con un nuovo progetto, Transit: una scuola di formazione attoriale con un’attenzione al tema dell’interculturalità.

La seta crea bellezza e la bellezza è nell’incontro tra esseri umani.

Per maggiori info: www.teatridiseta.it

Articolo a cura di

Giulia Menna

Giulia Menna

Speaker / Attrice
Curatrice delle rubriche inerenti l'arte, il cinema e lo spettacolo.

Articolo a cura di

Giulia Menna

Giulia Menna

Speaker / Attrice
Curatrice delle rubriche inerenti l'arte, il cinema e lo spettacolo.

Piaciuto l’articolo? Condividilo!

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
Mostra tutti i commenti
Scroll Up